Come il criceto Hamtaro è diventato il simbolo della protesta in Thailandia

Parte della cultura pop, il cartone è stato scelto come “volto” delle manifestazioni che chiedono lo scioglimento del governo e una nuova costituzione

Decine di ragazzi sfilano da giorni per le strade di Bangkok con il criceto Hamtaro, il celebre protagonista dell’omonimo manga giapponese. Chiedono lo scioglimento del governo e una nuova costituzione. Sono gli attivisti del movimento Gioventù libera, che hanno attinto a piene mani del mondo del cartone, arrivando a usare frasi come “il cibo più delizioso sono i soldi dei contribuenti” come slogan o cantando la sigla modificata del cartone come inno di protesta.

Da giorni, infatti, in Thailandia si susseguono manifestazioni contro l’esecutivo. Una protesta che è diventata una delle più importanti contro il governo dal 2014, anno in cui in seguito a un colpo di stato si è insediata la giunta dell’ex generale Prayut Chan Ocha

La scelta di Hamtaro è una questione generazionale. In Thailandia, infatti, praticamente tutti i ragazzi sono cresciuti guardandolo n tv.  “E’ un personaggio che fa parte della cultura pop giovanile e ci aiuta a comunicare il nostro messaggio ai più giovani”, dice a Reuters Jutatip Sirikhan, 21 anni, presidente dell’Unione studenti.

La casa editrice giapponese Shogakukan, che detiene i diritti di Hamtara, ha deciso di non commentare l’uso dell’immagine nelle proteste. I manifestanti stanno anche pensando di utilizzare come simboli di rivolta altri personaggi della cultura pop, da Naruto a Harry Potter. 

(fonte: La Stampa)