Pensioni: nel primo semestre liquidati 389.924 nuovi assegni dall’Inps. Importo medio: 1.155 euro

Secondo i dati dell’istituto previdenziale, le entrate contributive sono cresciute dell’8% rispetto al 2020, mentre registrano un calo del 2,22% sul 2019

L'Inps ha liquidato nei primi sei mesi del 2021 nel complesso 389.924 nuove pensioni con un importo medio di 1.155 euro. Le pensioni anticipate rispetto all'età di vecchiaia sono state 124.139 per un importo medio di 1.928 euro. Le pensioni di vecchiaia liquidate sono state 126.853 per un importo medio di 818 euro, quelle di invalidità previdenziale sono state 19.065 per 791 euro medi mentre quelle liquidate ai superstiti sono state 119.867 per 773 euro medi. Nell'intero 2020 sono state liquidate 856.004 pensioni per 1.243 euro medi.

Nello stesso tempo, nei primi sei mesi del 2021, l'Inps ha incassato 99.392 milioni di entrate contributive, con un incremento di 7.379 milioni di euro (+8,02%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In questo modo, è stata recuperata gran parte dei contributi persi durante il 2020. L'importo dei contributi incassati è comunque inferiore del 2,22% a quello dello stesso periodo del 2019. 

(fonte: La Stampa)