Incidenti sul lavoro, morti due operai: nel Modenese e in provincia di Ragusa

Le vittime sono un 66enne e un settantenne entrambi caduti dal tetto su cui stavano eseguendo manutenzione 

RAGUSA. Un operaio di 66 anni è morto precipitando dal secondo piano di una palazzina nel centro di Comiso, importante paese della provincia di Ragusa. Francesco Occhipinti, muratore, stava lavorando alla ristrutturazione di una palazzina in via Armando Diaz, nel quartiere Immacolata, ed era sul terrazzo dove in quel momento si stava occupando di ripulire e sistemare le grondaie. Nel tentativo di liberare una cassetta metallica che contiene il contatore del gas e nella quale avevano fatto il nido alcuni piccioni, si sarebbe sporto dalla ringhiera del terrazzo del secondo e ultimo piano. Non si sa se l’uomo abbia perso l’equilibrio o se abbia avuto un malore, ma è precipitato in strada da un’altezza di circa sette metri. Erano le 10,30 di stamattina.

*** La mappa dei morti sul lavoro nel 2021
Un altro operaio che lavorava con lui in quel momento si trovava in un ambiente interno della palazzina e non avrebbe visto l’incidente ma ha comunque sentito il tonfo e le urla delle persone che erano in strada e che hanno tentato di soccorrere l’operaio. L’uomo in realtà sarebbe morto sul colpo e quando è arrivata l’ambulanza del 118, i sanitari non hanno potuto fare nulla. Sul posto sono arrivati la polizia del commissariato di Comiso e agenti della Scientifica per i rilievi, come pure gli ispettori dell’ufficio del lavoro e il magistrato di turno dalla procura di Ragusa. E’ stata aperta un’inchiesta e come primo atto è stato disposto il sequestro del cantiere, anche per accertare se gli operai che vi lavoravano erano assunti in maniera regolare e se siano state rispettate le misure di sicurezza di cantiere.

Nel Modenese deceduto un settantenne, stava ispezionando alcuni pannelli di amianto
Incidente mortale questa mattina a Soliera (in provincia di Modena) dove un operaio di settant'anni ha perso la vita cadendo dal tetto di un'officina. A quanto si apprende la vittima lavorava per una ditta esterna che si occupa proprio di manutenzione dei tetti. Da una prima ricostruzione pare abbiano ceduto alcuni pannelli di amianto che l'operaio stava ispezionando. L'uomo, cauto da un'altezza di otto metri, era stato portato in ospedale per un trauma cranico, è morto due ore dopo. Sul posto 118, carabinieri e Ausl.

(fonte: La Stampa)