Vicenza, minacce a Mattarella e ai giornalisti sui social: 13 indagati

Le indagini, iniziate lo scorso luglio, si sono focalizzate in particolar modo su dei post Instagram e sui gruppi Telegram

VICENZA. La Digos ha indagato 13 persone «antisistema», due delle quali per istigazione a delinquere e per minacce al presidente della Repubblica, al premier Draghi, a esponenti del mondo scientifico e a giornalisti responsabili o sostenitori dei provvedimenti contro il Covid. Le indagini, iniziate lo scorso luglio, si sono focalizzate in particolar modo su dei post Instagram e sul gruppo Telegram chiamato «Il coraggio del dubbio».  

Nelle chat, oltre a frasi farneticanti e minacce, venivano aizzati i partecipanti ad azioni di protesta. Si studiava come fermare i treni o come guadagnarsi l'attenzione dei media tradizionali. 

(fonte: La Stampa)