Botte, insulti e violenze sessuali su disabili psichici: i video incastrano cinque operatori di due comunità a Caltanissetta

In un filmato un cieco viene picchiato perché colpevole di aver orinato al di fuori del water

Abusi sessuali compiuti da uno degli indagati su anziana ospite non in grado di autodeterminarsi, pazienti picchiati anche con bastoni e colpiti con sedie lanciate contro di loro. Pazienti insultati, abbandonati, malnutriti e alimentati solamente con riso o con pane raffermo, bagnato con acqua o latte. Sono le telecamere nascoste dai carabinieri nell'unica sede a Serradifalco, nel Nisseno, di due comunità per assistenza a disabili fisici a svelare il clima che si viveva in quello che gli stessi investigatori, in una nota ufficiale, definiscono un 'lager' in cui vivevano nove ospiti. I militari dell'Arma ritengono «emblematico un episodio dove uno degli ospiti, cieco, viene picchiato brutalmente dall'operatore, poiché colpevole di aver orinato al di fuori del water».

Abusi e violenze su disabili psichici nel Nisseno, 5 misure cautelari

La struttura è stata sequestrata e un operatore, accusato anche di violenza sessuale aggravata, è stato portato in carcere. E' accusato anche di abbandono di incapaci e di esercizio abusivo della professione infermieristica, per aver somministrato medicine, benché sprovvisto di specifico titolo professionale. Per il gestore e un'operatrice sono stati disposti gli arresti domiciliari. Il provvedimento cautelare, emesso dal Gip di Caltanissetta, su richiesta della locale Procura, è stato notificato da militari dell'Arma anche a due dipendenti che sono stati interdetti dalla professione per un anno. Gli ospiti, di concerto con l'Asp, sono stati trasferite in altre strutture. L'inchiesta, denominata 'Bad careviger', si basa su indagini del Nas di Ragusa e dei carabinieri del comando provinciale di Caltanissetta. L'attività investigativa è scaturita da un controllo, eseguito nell'ambito di servizi disposti in campo nazionale dal comando Carabinieri per la Tutela della Salute di Roma, d'intesa con il ministero della Salute, finalizzati a monitorare la corretta gestione delle strutture socio-assistenziali.

(fonte: La Stampa)