Covid, Figliuolo alle Regioni: “Fino ai 50enni bisogna seguire il Piano per età. Nelle aziende vaccini non prima di giugno”

Incontro Governo-Regioni sulla campagna vaccinale. Il Ministro Gelmini: «Nelle prossime settimane arriveranno milioni di nuovi vaccini»

Andare avanti con quanto stabilito nel piano di vaccinazione, ovvero con le categorie fragili e fino ai cinquantenni. E 'l'indicazione fornita dal generale Figliuolo ai presidenti di Regioni. L'incontro, al quale hanno partecipato i ministri Speranza e Gelmini (tra i presidenti di Regione erano presenti, tra gli altri, Zaia, Tesei, Toma e Kompatscher), è stato chiesto proprio dai governatori che spingono per una programmazione chiara e un coordinamento dell'agenda.

Il generale Figliuolo ha sottolineato, secondo quanto viene spiegato dalle fonti presenti all'incontro, che le vaccinazioni nelle aziende arriveranno a giugno e che l'obiettivo è di migliorare il risultato delle 500 mila dosi giornaliere, ma avrebbe smentito di voler arrivare a un milione di immunizzazioni quotidiane. Riguardo alle disposizioni sulle somministrazioni dei vaccini e i tempi per il richiamo, il punto di riferimento sono i pronunciamenti del Cts, avrebbe poi aggiunto Figliuolo.

La preoccupazione dei presidenti di Regione e legata alle dosi di AstraZeneca e alla necessita di smaltirle. Il ministro della Salute Speranza avrebbe sottolineato che per quanto riguarda i richiami di AstraZeneca non ci sono problemi e che la casa farmaceutica, al di là della decisione della Ue di non rinnovare il contratto, fornirà tutte le dosi di vaccini pattuite. Le Regioni hanno chiesto una maggiore concertazione nelle scelte, riscontrando la sponda del generale Figliuolo che ha fornito tutti i dati riguardo gli arrivi dei vaccini.

«Nelle prossime settimane ne arriveranno milioni, non c'è dunque alcun rischio di rimanere a corto di dosi. Ci sono tutte le condizioni per accendere nel buon lavoro che stiamo facendo», l'assicurazione del ministro degli Affari regionali, Gelmini. 

Intanto il ministero della Salute ha chiesto a Cts, Comitato tecnico scientifico, di valutare la possibilità di estendere il vaccino di Astrazeneca alla fascia 50-60 anni. Francesco Figliuolo ha chiesto di avere i dati relativi a quanti sono i soggetti ancora da vaccinare in quella fascia d'età.

E domani mattina si terrà, invece, una riunione tra il governo e le Regioni sulla possibilità di modificare i parametri che determinano le fasce di colore. I presidenti di Regioni torneranno a chiedere lo spostamento del coprifuoco alle 23. Il pressing è portato avanti da tutte le forze politiche della magma questa settimana non dovrebbe essere alcuna riunione ad hoc da parte del governo, secondo quanto già trapelato ieri. Questa mattina la cabina di regia si è tenuta sul dl sostegni, un allentamento delle misure arriverà alla luce dei dati di venerdì ma scatterà la prossima settimana.

(fonte: La Stampa)