Covid, l’attore Andrea Pennacchi in ospedale: “Sono attaccato a una macchina ma respiro”

Andrea Pennacchi con il libro pubblicato per People "Pojana e i suoi fratelli"

Il Pojana di «Propaganda Live» ha annunciato di essere ricoverato con un ironico tweet

TORINO. È con un tweet i dialetto veneto, nel quale non rinuncia all’ironia, che Andrea Pennacchi ha comunicato di essere e attaccato a un respiratore e –implicitamente – in ospedale. Senza aggiungere dettagli, ha scritto «So taca na machina ma respiro», aggiungendo in inglese «il prossimo tatuaggio» e ringraziando il politologo vicentino Giovanni Diamanti. Null’altro.

Quando i “negri” erano i meridionali, il monologo di Andrea Pennacchi che ha invaso Facebook

Ma facile comprendere che si tratti di un problema respiratorio legato al Covid quello che ha costretto il Pojana di Propaganda Live, recentemente visto su Sky Atlantic anche come spalla di Paola Cortellesi nella serie Petra e come papà di Elio Germano in L’isola delle rose di Netflix, al ricovero in ospedale a Padova. Proprio nel suo amato Veneto nel quale il virus non allenta la morsa.

"Mentire, sempre mentire, anche se sai che non funziona il Mose", l'eccezionale monologo su Venezia di Pennacchi

Tantissimi i messaggi di auguri per il bravissimo attore 51enne che deve a un video che ha spopolato su Facebook e al programma tv di Diego Bianchi il meritato successo che ha conosciuto negli ultimi due anni. Tra i primi messaggi di incoraggiamento c’è infatti quello del direttore de La7, Andrea Salerno che ha twittato: «Forza Andrea! Ti si aspetta».

Il monologo di Andrea Pennacchi a Propaganda Live: "Ora tutti tirano giù le statue, faremo quella di Salvini il liberatore"

(fonte: La Stampa)