Napoli, uccide il compagno della madre con una coltellata al petto: fermato un trentenne

NAPOLI. I carabinieri hanno fermato nella notte un operaio di 30 anni con l’accusa di omicidio aggravato: sarebbe l’assassino del compagno della madre, Luciano Caronte, 59 anni, ucciso con una coltellata al petto.

L’omicida, incensurato, affetto da disturbi psicotici, sarà portato in mattinata nel carcere di Poggioreale, dopo un primo interrogatorio. Non si conoscono ancora i motivi precisi del gesto.

(fonte: La Stampa)