Il pericolo di un sovranismo che ha sottovalutato Mosca