Quell’illusione di conquistare il centro che non c’è