Così Di Maio rischia di somigliare un po’ troppo ad Alfano