La difficile convivenza nelle stanze del “nuovo” potere