Quando la narrazione conta più dei fatti reali