Manovra, le correzioni "creative" tra rigoristi e sviluppisti