Scuola, la riforma pensi agli studenti "dispersi"