Smartphone e social, i giovani connessi 15 ore al giorno

La ricerca dell’istituto Demopolis: il 51% degli italiani ha uno smartphone. I giovani sono connessi 15 ore al giorno

Secondo i dati rilevati dall’Istituto Demopolis, il 93% degli italiani usa oggi abitualmente un cellulare, tradizionale o di ultima generazione. Negli ultimi tre anni la maggioranza assoluta degli utenti è passata a uno smartphone, spesso affiancato al “vecchio telefonino”. Netto appare il divario tra generazioni: a usare uno smartphone è oggi l’84% dei giovani tra i 15 ed i 24 anni, ma appena un quinto di chi ha superato i 64 anni.

Secondo il trend di Opinion Lab, il Monitor nazionale sull’opinione pubblica dell’Istituto Demopolis, è in netta crescita in Italia, proprio grazie all’accesso da smartphone, anche la fruizione della Rete: con un sorpasso del numero di utenti che si connette da dispositivi mobili su quanti accedono invece abitualmente a Internet da personal computer.

Ma che cosa fa il 51% degli italiani con gli smartphone? Con i telefoni mobili di ultima generazione, Internet conquista posizioni per quanto riguarda la relazionalità sui social network, ma anche l’informazione. Funzioni prevalenti, secondo l’indagine dell’Istituto di ricerche diretto da Pietro Vento, risultano l’accesso ai social network (Facebook soprattutto) e l’invio di messaggi, sms tradizionali e su chat (What’s up in particolare). Ma anche scambio di mail e foto, fruizione delle news, video su YouTube, ricerche di informazioni e luoghi su Google. E i più giovani, secondo i dati Demopolis, risultano “connessi” con gli smartphone per oltre 15 ore al giorno.

Nota informativa. L’indagine è stata condotta dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, su un campione stratificato di 1.000 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana di età compresa tra i 15 e gli 80 anni, nell’ambito dell’edizione del maggio 2015 di Opinion Lab, Monitor sull’opinione pubblica dell’Istituto Demopolis. Supervisione della rilevazione demoscopica di Marco E. Tabacchi. Hanno collaborato Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Metodologia e approfondimenti su: www.demopolis.it