Fondo per le imprese "creato" dai 5Stelle? No, dal ministero

Il movimento di Beppe Grillo promuove il microcredito con una iniziativa on line, chiedendo a chi è interessato di registrarsi sul proprio sito web, spiegando che si tratta di un Fondo realizzato dal Movimento. In realtà il Fondo è preesistente all'iniziativa, creato dal ministero per lo Sviluppo economico, mentre i 5 Stelle lo hanno arricchito grazie alle donazioni di parte del proprio stipendio (*titolo aggiornato)

«25.000 euro per la tua impresa, microcredito 5 stelle, prenditi la tua parte»: è l’annuncio che si staglia sulla home page del nuovo sito web appena lanciato dal MoVimento 5 Stelle, una pagina interna al blog di Beppe Grillo, che rimanda alle istruzioni per accedere al microcredito. In realtà, ciò che viene presentato come il «microcredito5stelle, un prestito che puoi ottenere subito grazie al fondo creato dai parlamentari 5 stelle con il taglio del loro stipendio» è una opportunità pubblica, statale, offerta dal MISE, il Ministero per lo Sviluppo Economico, cui è a capo Federica Guidi.
 
 
Come funziona davvero il microcredito per le imprese? Basta seguire le istruzioni riportate dalla sezione del sito MISE che indicano i criteri di accesso. E da dove vengono i soldi? Dal Fondo di Garanzia statale, l’intervento pubblico di garanzia sul credito alle PMI italiane. È verissimo che i parlamentari M5S, rinunciando a parte delle voci accessorie del loro salario, abbiano donato quel denaro alle casse statali, andando a rimpinguare il Fondo per le PMI. Ma non è necessario, come suggerisce l’iniziativa lanciata online dal MoVimento, iscriversi alla mailing list del sito, comunicare il proprio indirizzo email per ricevere gli aggiornamenti relativi all’iter della propria domanda di accesso al credito. È sicuramente un servizio in più, che il MoVimento offre a chi vuol usufruirne, ma non è obbligatorio, né è una offerta di microcredito proveniente da un partito, essendo statale, pubblica.
 
 
Accanto, insomma, ad una iniziativa governativa, c’è l’iniziativa politica di un partito presente in Parlamento: ma le due operazioni sono indipendenti l’una dall’altra: cosa che non appare chiara nella comunicazione dell’iniziativa da parte del MoVimento, visto che non compare, sul sito, nemmeno il logo del MISE.
 

 

*Aggiornamento: il titolo e il sommario di questo articolo sono stati modificati in seguito a una nota di precisazione arrivata dal Movimento 5 Stelle.

Il titolo e sommario originali erano i seguenti: "Il prestito 5 Stelle? No è del Ministero"

"Il nuovo sito web del movimento di Beppe Grillo promuove il microcredito con un fondo creato con i tagli agli stipendi dei parlamentari grillini. In realtà e i soldi e l'iniziativa sono del Ministero per lo Sviluppo Economico"