Contenuto riservato agli abbonati

Centro storico di Grosseto, stretta su Covid e movida: quattro sanzioni elevate in un locale

Controlli dei carabinieri venerdì sera in via Vinzaglio

Polizia municipale e carabinieri in campo per pattugliare le zone interne alle Mura sul fronte di sicurezza e Green pass


GROSSETO. Controlli sul rispetto della normativa anti Covid (mascherine e Green pass) con diversi verbali elevati tra clienti ed esercenti dei locali. E pattuglie dispiegate sulla “mala movida” per assicurare notti più tranquille ai residenti del centro storico, dopo gli ultimi weekend terribili – atti vandalici, alcol, sporcizia, problemi di ordine pubblico – che Il Tirreno ha raccontato.

La stretta da parte delle forze dell’ordine ha visto per due giorni di fila (sia la sera/notte tra venerdì e sabato che quella appena trascorsa, tra ieri e oggi) il centro storico sorvegliato da uomini in divisa e in borghese.

Nell’ultimo fine settimana, ovvero nella notte tra sabato 15 e domenica 16 (come pure nei weekend precedenti), decine di ragazzi avevano seminato trambusto per le vie del centro storico, per la maggior parte assembrati e senza mascherina. Stando alle segnalazioni degli abitanti avevano disturbato la quiete pubblica e seminato atti vandalici: urla, urina sui portoni e auto ammaccate, portoni presi a pedate. E poi fioriere rovesciate, caloriferi sradicati. Insomma, un bollettino di guerra. Cuore del tutto un reticolo di zone come piazza della Palma, via Garibaldi, via Vinzaglio, via Montanara, strada Fanti e via Saffi, o piazza San Francesco, via San Martino, per citarne alcune, dove gli abitanti stanno pensando a una raccolta firme. Lo scorso weekend, nella zona di piazza della Palma/via Garibaldi sono confluiti gruppetti che hanno imbastito «fino alle 4 di notte una specie di guerra – ha detto un esercente – C’erano circa 20 ragazzi abbracciati in cerchio a cantare e urlare parolacce sotto le nostre finestre».

È passata una settimana e il timore sale di nuovo. «Vedrai che ci risiamo», dice un commerciante ipotizzando il ritorno dei soliti scalmanati.

Le forze dell’ordine sono in campo con controlli congiunti. Venerdì sera la polizia municipale e i carabinieri hanno pattugliato le strade e piazze interne alle Mura, ispezionando le zone segnalate come “sensibili” e diversi locali e attività commerciali aperti. «I carabinieri sono entrati anche da noi – dice Monica Volpini, titolare della Palomar in piazza Dante che la sera è aperta ed effettua anche servizio bar – Ovviamente noi eravamo in regola, anzi. Prima ancora che entrasse la pattuglia, ho dovuto mandare via un cliente no-vax, che aveva il Green pass “rosso”». L’Arma è stata presente con 3 pattuglie, mentre la Municipale con 10 uomini dispiegati in piazza Dante e piazza del Sale, di cui 4 in divisa (due pattuglie) e altri 6 in borghese. Quattro verbali sono stati elevati venerdì in un locale per violazione della normativa sul Green pass. E le pattuglie sono tornate in azione ieri sera/notte, sempre con interventi congiunti. «Stiamo potenziando i controlli anche con le altre forze dell’ordine – dice l’assessore alla Municipale Riccardo Megale – per cercare di trovare un equilibrio al centro storico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA