Licenziato mesi fa, ruba 600 euro dalla cassa

Una pattuglia dei carabinieri

Pitigliano, i carabinieri denunciano un 23enne per il colpo dentro a un supermercato dove aveva lavorato: scoperto grazie a una password

PITIGLIANO. I carabinieri di Pitigliano hanno denunciato alla Procura di Grosseto un cittadino di 23 anni per un furto aggravato messo a segno nella notte tra il 7 e l’8 settembre scorsi.

Nella notte, qualcuno si era introdotto all’interno del supermercato, infrangendo una porta a vetri nel retro del supermercato, portando via circa 600 euro custoditi nelle casse. Il particolare che ai carabinieri è risultato subito molto anomalo, e da cui sono partite le indagini, è stato il fatto che, a differenza delle porte d’ingresso, la cassa da cui erano stati prelevati i soldi non presentava alcun segno di forzatura.

Dopo aver quindi preso le informazioni necessarie dai responsabili del punto vendita, i carabinieri si sono concentrati sulla cerchia interna dei dipendenti. La cassa era stata aperta tramite immissione di una password, in possesso ai singoli cassieri per svolgere il loro lavoro.

E’ così emersa la figura del 23enne, il quale era stato licenziato alcuni mesi fa in quanto il negozio aveva, contestualmente alla sua presenza nell’esercizio, registrato l’ammanco di incasso e generi alimentari. Le indagini sono state quindi indirizzate su di lui, e hanno fatto emergere che la cassa di cui era stato prelevato il contante, era stata aperta tramite immissione della password a lui associata nel periodo in cui lavorava presso il supermercato, e che nel frattempo non era stata disabilitata. Tutto questo, unitamente ad altri riscontri raccolti dai militari, ha permesso di individuare lo straniero quale responsabile del furto, per cui è stato deferito alla Procura della Repubblica.