Tutta la magia dei fari Artemare celebra il santo

Manifesti e libri esposti oggi nella sede  

la ricorrenza

Oggi è san Venerio patrono dei faristi, ovvero di coloro che si occupano del funzionamento dei fari marittimi.


Artemare Club – nella sede dell’associazione nel Corso antico di Porto Santo Stefano – per gli amanti del mare espone un manifesto guida con tutti i fari dell’Argentario e delle isole vicine, e la loro posizione sulla carta nautica. «Una mappa utile per chi vuole una vacanza al mare lontana dalla folla perché nel prossimo futuro sarà possibile alloggiare in tutti i fari riportati, attualmente già possibile in quelli dell’isola del Giglio». Stamani, per ricordare san Venerio Artemare Club mette a disposizione dei visitatori l’intera importante collezione di libri sui fari della propria biblioteca per conoscere meglio la storia che attribuisce al santo la creazione della vela moderna e la leggenda devozionale di aver messo in fuga un mostruoso esemplare di pesce dragone che terrorizzava i marinai nel Mediterraneo. Daniele Busetto consiglierà ai turisti (indicandola) la meravigliosa strada dei fari di Porto Santo Stefano, chiamata anche “via degli innamorati”, che parte dal paese e dopo alcuni chilometri di passeggiata mozzafiato porta ai due fari di Punta Lividonia, uno dismesso e privato; l’altro in esercizio a 50 metri sul livello del mare, dato in concessione per attività turistico culturali.