Contenuto riservato agli abbonati

Vanno a Spergolaia per immunizzarsi ma trovano il centro vaccinale chiuso

La sede della Spergolaia ad Alberese e il cartello che è stato messo dall’Asl

La Regione “spedisce” i cittadini ad Alberese per la dose anti Covid: la sede sarà attiva soltanto da sabato

GROSSETO. «Si apre sabato 24 luglio il nuovo centro vaccinale della Spergolaia nell’area dell’azienda agricola di Alberese, che prende il posto del cinema Aurelia antica di Grosseto, che da giovedì 22 luglio (oggi, ndr) chiude definitivamente».

Così scriveva mercoledì 21 luglio la Asl in un comunicato stampa, precisando che il nuovo hub nei Magazzini lorenesi sarà aperto tutti i giorni, con otto linee di vaccinazione due in più del multisala, «proprio con l’intento di potenziare la capacità di somministrazione dei sieri», specificava l’azienda sanitaria. Peccato però che, secondo il sistema regionale che invia in automatico le comunicazioni per sms ai cittadini prenotati per il vaccino, il multisala sia già chiuso da martedì 20 e che i “vaccinandi” prenotati per Grosseto debbano spostarsi in quel di Spergolaia, sulla strada per Marina di Alberese, 13 chilometri all’andata e 13 al ritorno, con un servizio di pochi mezzi pubblici, su cui, peraltro, chi non ha il green pass presto non potrà più salire.


E così la Regione ha spedito a Spergolaia diverse persone che da giorni arrivano davanti ai cancelli in legno e solo da mercoledì 21 trovano un cartello con scritto che il «polo vaccinale sarà attivo da sabato 24 luglio» e che fino a quella data ci si vaccina al multisala e alla caserma del Savoia». Solo da mercoledì 21 luglio, appunto, perché i malcapitati di martedì 20 non hanno trovato nemmeno il cartello, che una mano pietosa si è affrettata a mettere dopo che sono arrivate le prime proteste.

«Per fortuna, nella sera di martedì 20 luglio, una signora che stava portando a spasso il cane ci ha spiegato che dalla mattina e per tutto il giorno c’era stato un andirivieni di persone per il vaccino e che forse c’era stato un errore», ha raccontato una 56enne grossetana, talmente incredula per quello che le era successo da non essere nemmeno arrabbiata.

Nel suo caso l’appuntamento era per le 22 ed è pure stata fortunata a incontrare qualcuno, perché a Spergolaia, in aperta campagna, a quell’ora si trova giusto qualche animale notturno. La signora, che era accompagnata dal marito, ha deciso allora di andare al multisala per vedere se lì sapevano dirle qualcosa e ha trovato altre persone che, come lei, erano prima passate dai magazzini lorenesi. Un vero caos tra chi non sapeva se sarebbe stato vaccinato, e i volontari in supporto al centro che non sapevano cosa fosse successo. «Qualcuno di loro, infatti, si chiedeva perché si fossero presentate meno persone (723 sulle 850 prenotate) e telefonava per cercare di capire. Insomma, alla fine mi hanno somministrato il richiamo di Pfizer e tutto è finito, ma mi chiedo come è possibile una tale disorganizzazione. Il personale sanitario è gentilissimo e si adopera per il meglio, ma tutto il resto non funziona», aggiunge la signora raccontando la comunicazione schizofrenica che le era arrivata, iniziata con un sms della rete telematica toscana, il 16 luglio per informarla dell’anticipo dell’appuntamento dal 23 al 20. Seguito, nella mattina di martedì 20, da un secondo sms alle 10 che confermava data, ora e luogo, annullato da un terzo sms a metà pomeriggio che la invitava ad andare a Spergolaia. E come se non bastasse, mercoledì 21 luglio la cosa si è ripetuta, con diverse persone incredule di fronte a quanto scritto sul cartello, con in mano il foglio della prenotazione accuratamente stampato che diceva tutto il contrario. «Le prenotazioni previste il giorno 23 al multisala – ha scritto ieri la Asl nello stesso comunicato – sono state anticipate nei giorni che vanno dal 20 al 22 luglio, la maggior parte sempre al Multisala e alcune presso il Savoia Cavalleria. Gli utenti interessati sono stati tutti avvertiti del cambiamento di sede e orari tramite l’invio di un sms. Ci sono stati segnalati degli sms con informazioni sbagliate. La causa è stato un problema tecnico informatico per prenotazioni che riguardano però solo i giorni che vanno dal 20 al 23 luglio, il periodo di passaggio tra le due sedi vaccinali. L’Asl Toscana sud est si scusa per il disservizio e ricorda che, per dubbi o informazioni, si può sempre telefonare al numero verde 800432525». Gli operatori in effetti, ieri, hanno risposto ad alcune persone che si erano ritrovare a Spergolaia, ma nemmeno loro sono stati in grado di dare l’informazione giusta. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA