Paura nell’atrio della stazione: ferito al volto da una coltellata

Trentenne soccorso e medicato all’ospedale: ha un taglio su una guancia. I carabinieri sulle tracce dell’aggressore.

GROSSETO. Di sangue per terra ne è rimasto molto, ma per fortuna la ferita sul volto di un trentenne soccorso domenica sera e portato all’ospedale Misericordia guarirà senza lasciare conseguenze gravi, tranne, forse, la cicatrice.
La lite, furibonda, è scoppiata alla stazione di Grosseto dove due uomini, che avevano probabilmente già avuto alcuni pesanti diverbi qualche giorno prima, si sono incontrati domenica, poco dopo le 19, quando i treni viaggiano e i passeggeri fanno avanti e indietro.

I due uomini hanno ricominciato a litigare quando uno dei due ha tirato fuori il coltello dalla tasca e ha colpito il rivale al volto, sfregiandolo, per poi scappare subito dopo.
L’allarme è arrivato subito ai sanitari del 118 che sono intervenuti e hanno soccorso il trentenne, che ha origini messicane e abita ad Albinia, mentre i carabinieri si sono messi immediatamente sulle tracce del fuggitivo.

Ad aiutare le indagini dei militari, oltre alle testimonianze delle persone che erano alla stazione saranno le immagine delle telecamere di videosorveglianza che sono state acquisite.

L’uomo ferito al volto non ha saputo spiegare i motivi di quella lite. Pare che tra i due ci fossero stati alcuni screzi già in passato: domenica, quando si sono trovati di nuovo l’uno di fronte all’altro, le vecchie acredini sarebbero riemerse e i due avrebbero ripreso a discutere animatamente. Poi sarebbe spuntata la lama, con la quale è stato colpito al volto il trentenne soccorso con l’ambulanza è portato al Misericordia.