Fermatevi qui e baciatevi: a Follonica le tre “kiss zone” che invitano a stare vicini

L’idea di un grafico pubblicitario è piaciuta subito all'amministrazione comunale: le tre zone scelte

FOLLONICA. L’idea è semplice e riprende quanto già è stato realizzato altrove: tre cartelli che invitano a baciarsi in alcuni dei luoghi più suggestivi della città, magari con le tenui luci del tramonto sul golfo.

A proporla all’Amministrazione il grafico follonichese Gabriele Rossi che ha ideato il logo, i tre cartelli e disegnato le due figure stilizzate che si baciano con la scritta “kiss zone”; nel cartello è anche disegnato un arcobaleno, simbolo della comunità Lgbt per sottolineare l’inclusività del messaggio. L’idea è subito piaciuta al Comune che ha deliberato la realizzazione e l’installazione dei cartelli nella spiaggia di Levante, nella terrazza sul lungomare di viale Italia e in piazza Mazzini entro la fine del mese, la creazione di queste aree a Follonica vuole dare il via alla stagione estiva con un gesto affettuoso e leggero che promuova alcuni dei luoghi più suggestivi del territorio.



L’invito rivolto a tutti è anche quello di scattarsi una foto da pubblicare sui social con l’hashtag #Follove, un modo per incentivare una visita romantica della città e proporre quei luoghi per un bacio e una foto ricordo.

«Il bacio è un gesto universale, da sempre oggetto di poesie, canzoni, scena da film e adesso anche della segnaletica stradale di Follonica – dice l’assessora Mirjam Giorgieri – l’invito è semplicemente all’amore, in tutte le forme e contro qualsiasi pregiudizio. Inoltre abbiamo associato ai cartelli anche una campagna social dove chi vuole può pubblicare la propria foto sotto al cartello con l’hashtag #Follove. Si tratta di un piccolo progetto presentato da un cittadino che ha a cuore Follonica e che vuole valorizzare alcuni dei suoi scorci più belli; baciarsi al tramonto o comunque con il mare del golfo sullo sfondo vuole essere un segnale di promozione del nostro territorio e di speranza»

«Ho pensato a un logo artistico che potesse attirare l’attenzione – spiega Gabriele Rossi, ideatore della proposta – il bacio è anche cultura, modo di vivere ed è giusto celebrarlo. Con questa iniziativa in alcuni luoghi suggestivi della città la gente potrà tornare a baciarsi, ultimamente il Covid ci ha costretto a vivere distanti mentre con le kiss zone potremo ricominciare a vivere d’istinti. Ci auguriamo tutti che possa essere una ripartenza all’insegna dei buoni sentimenti». —

M.N.

© RIPRODUZIONE RISERVATA