La 1000 Miglia in Maremma, a Grosseto stop & go del gusto

Giorgio Notari con la sua auto, unico grossetano in lizza per la 1000 Miglia 2021

Il 17 giugno sfilano le auto storiche: le Ferrari d’epoca in piazza Nassiriya dove i piloti saranno “rifocillati” dai piatti preparati dagli studenti dell’Alberghiero

GROSSETO. Giovedì 17 giugno la città di Grosseto ospiterà per la prima volta la 1000 Miglia, "the most beautiful race in the world", la più bella corsa del mondo. Un evento storico, voluto dall’amministrazione comunale che ci ha investito ingenti risorse.

La 39ª edizione della gara di regolarità si presenterà in Maremma con numeri impressionanti: 525 auto al via e 1050 partecipanti: 110 Ferrari, 390 auto d’epoca, 5 elettriche e 15 modelli unici. Tra gli iscritti anche un appassionato grossetano, Giorgio Notari , che parteciperà alla manifestazione con una Fiat 508 Balilla, che ha partecipato alla “ Coppa D’Oro” del 1935 (motore 1000cc).

«Per la nostra città – dice il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna – è un momento unico e non nascondo un pizzico di emozione nel presentare l’arrivo di una competizione straordinaria, che passerà dalle nostre parti dopo un gran lavoro di sinergia grazie agli assessori Fausto Turbanti e Luca Agresti e al segretario Luca Canessa. La 1000 Miglia è una vetrina di promozione dei territori italiani e per Grosseto è un momento di arricchimento e visibilità».

«La provincia di Grosseto – aggiunge Giuseppe Cherubini, vicepresidente del comitato organizzatore – sarà protagonista per cinque ore nella seconda tappa, che porterà il serpentone di quasi ottocento auto da Viareggio a Roma. Per la prima volta la Freccia Rossa, nata come gara di velocità, poi trasformata in regolarità, si svolgerà in senso antiorario. Partirà il 16 giugno da Parma per arrivare dopo varie soste (compresa quella di Busseto alla casa di Verdi) in Versilia. Il 17, come detto arriverà nella Capitale per risalire verso Cortona, Montevarchi, Prato e rientrare a Bologna, Modena, Reggio Emilia, con arrivo finale a Brescia».

Alle 12,30 le auto d’epoche sosteranno a Castiglione della Pescaia, le Ferrari proseguiranno per Grosseto dove alle 14,30 è previsto uno stop and go. «È un grande onore – commenta l’assessore alla viabilità Fausto Turbanti – la scelta di Grosseto. Gli appassionati potranno vedere il passaggio di auto che hanno fatto la storia e che in alcuni casi valgono milioni. Sarà una festa della città, con il coinvolgimento delle scuole».

Grazie alla sensibilità della dirigente scolastica dell’Istituto Leopoldo II di Lorena, Cinzia Machetti, la 1000 Miglia potrà gustare specialità maremmane nella sosta in piazza Nassiriya preparate dagli studenti dell’Alberghiero e dallo chef Nello Cicaloni. «Ho accolto al volo – ha detto Machetti – la proposta di Cicaloni, per i miei ragazzi sarà un’esperienza importante».

Anche Giovanni Tombari, presidente della Fondazione Grosseto Cultura, dichiara tutta la sua soddisfazione per l’arrivo della 1000 Miglia.

«È un’opportunità storica – osserva l’assessore al turismo Luca Agresti – da un punto di vista del lancio della città in vista della stagione estiva. La Mille Miglia è un’eccellenza di grande attenzione. E siamo onorati di ospitare la corsa più bella del mondo nella città più bella del mondo». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA