Bandiera Blu, in Maremma tre conferme e un'esclusione

Il riconoscimento torna a Follonica, Castiglione della Pescaia e Grosseto, fuori l'Argentario. Premiati anche tre porti

GROSSETO. Bandiera Blu confermata per le spiagge di Follonica, Marina di Grosseto – Principina a mare e Castiglione della Pescaia, e confermata anche per i porti di Marina di Punta Ala (Castiglione della Pescaia), Marina di San Rocco - Porto della Maremma (Marina di Grosseto) e Marina Cala Galera (Monte Argentario).

Niente riconoscimento, invece, per Monte Argentario, che quest'anno dovrà ammainare la bandiera simbolo di territorio rispettoso dell'ambiente.

È un risultato dolce amaro quello che la Maremma ottiene dai riconoscimenti, arrivati stamani _ 10 maggio _ dalla Foundation for Environmental Education (FEE) che ha assegnato le Bandiere Blu 2021 ai Comuni rivieraschi e agli approdi turistici più rispettose dell’ambiente e con più servizi.

Marina e Principina vedono confermata la Bandiera Blu per il 23° anno consecutivo, Castiglione della Pescaia per il 22° e Follonica, anch'essa "blu" da 22 anni, possono gioire, non altrettanto fa Monte Argentario che è una delle tre località toscane che quest’anno sono state escluse e che ha contribuito a far scendere da 20 a 17 le località premiate.

I 32 criteri del Programma vengono aggiornati periodicamente in modo tale da spingere le amministrazioni locali partecipanti ad impegnarsi per risolvere, e migliorare nel tempo, le problematiche relative alla gestione del territorio al fine di una attenta salvaguardia dell’ambiente.

Anche quest’anno è stato dato grande rilievo alla gestione del territorio e all’educazione ambientale messe in atto dalle amministrazioni al fine di preservare l’ambiente e promuovere un turismo sostenibile. In tale ottica, alcuni indicatori presi in considerazione sono stati: l’esistenza ed il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la percentuale di allacci fognari, la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla riduzione della produzione, alla raccolta differenziata e alla gestione dei rifiuti pericolosi; le iniziative promosse dalle amministrazioni per una migliore vivibilità nel periodo estivo; la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio; la cura dell’arredo urbano e delle spiagge; la possibilità di accesso al mare per tutti senza limitazioni.

Non bisogna inoltre dimenticare l’azione di sensibilizzazione intrapresa affinché i Comuni portino avanti un processo di certificazione delle loro attività istituzionali e delle strutture turistiche che insistono sul loro territorio. In tutta Italia sono 201 le località rivierasche e 81 gli approdi turistici che potranno fregiarsi, in questa trentacinquesima edizione, del riconoscimento Bandiera Blu 2021, per complessive 416 spiagge che corrispondono a circa il 10 per cento delle spiagge premiate a livello mondiale.