Contenuto riservato agli abbonati

Il giudice dà ragione all’inquilina e revoca l’amministratore

Un condominio sul lungomare finisce davanti al giudice. È il primo atto di una lunga querelle che va avanti da anni

MONTE ARGENTARIO. Revocato l’amministratore di un condominio sul lungomare Andrea Doria, il tribunale di Grosseto dà ragione all’inquilina.

Querelle legale tra la proprietaria di un appartamento di Porto Ercole, situato nel complesso Le Ancore, e l’ex gestore della struttura, che è stato anche condannato al pagamento delle spese di lite.


La storia, che va avanti da qualche anno, è però ancora lontana dalla sua conclusione, visto che ci sono ancora diverse cause civili pendenti tra la signora e l’amministratore. Nel caso specifico l’inquilina, difesa dall’avvocato Andrea Ferrini, nel 2017 si era rivolta al tribunale di Grosseto per la revoca giudiziale dell’amministratore del condominio in cui abita a Porto Ercole, denunciando «gravi irregolarità nella gestione e amministrazione» che, a suo dire, sarebbero state integrate da discrepanze contabili tra i bilanci consuntivi e gli estratti del conto corrente intestato al condominio, oltre a una generale scarsa trasparenza della gestione contabile.

L’uomo, difeso invece dal legale Matteo Mittica, si è costituito parte civile e ha contestato le accuse, sostenendo che fossero alimentate «da un’ostilità individuale nei suoi confronti che non trovava alcuna condivisione da parte degli altri condomini, che avevano invece confermato la sua nomina». La sezione civile del tribunale di Grosseto, composta dai magistrati Giulia Conte, Mario Venditti e Beatrice Bechi, dopo aver valutato tutti i documenti ha ritenuto fondato il ricorso della signora e revocato la carica dell’amministratore. La sentenza è avvenuta dopo un lungo iter giudiziario. «La sentenza mi rende giustizia – dice la diretta interessata – revocando l’amministratore del condominio Le Ancore a Porto Ercole per irregolarità amministrative e per non aver applicato la legge 220/2012. Questo amministratore era stato già raggiunto nel 2014 da contestazione da parte di un altro condominio, sempre a Porto Ercole».

La querelle vede, tra l’altro, altre pendenze civili tra la signora e lo stesso amministratore. «Ci sono altre quattro o cinque impugnazioni di delibera assembleare in corso che riguardano lo stesso condominio – spiega il legale dell’amministratore, Matteo Mittica – Dunque questo è il primo atto di una serie di altri che verranno. Il giudice ha ritenuto di accogliere il ricorso, ma nei prossimi mesi ci saranno altre sentenze che potrebbero anche ribaltare la situazione. Il giudice ha ritenuto che ci fosse irregolarità formale dando ragione alla signora. L’amministratore del condominio è stato sostituito da un altro, vedremo il da farsi dopo le altre sentenze. Per quanto riguarda invece una questione penale rilevata in passato per delle presunte truffe, dopo le indagini della guardia di finanza è stata archiviata dal giudice perché non è stata rilevata nessuna irregolarità». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA