Trovano escrementi di topo, i carabinieri del Nas chiudono un salumificio

Amiata, i militari hanno bloccato 200 chili di carne già lavorata e pronta per essere venduta; l'attività è stata chiusa dall'Asl.

AMIATA. I carabinieri chiudono un salumificio amiatino. Durante un'ispezione, i militari del nucleo antisofisticazione e sanità di Livorno hanno rilevato numerose infrazioni: gli scarti della lavorazione non venivano smaltiti correttamente, nei locali c'era sporco diffuso, e - soprattutto - i carabinieri hanno trovato escrementi di roditore sul pavimento e a ridosso di scaffalature e attrezzature.

I militari hanno dunque sanzionato il titolare per non aver rispettato le prescrizioni in materia igienico sanitaria e per l’omessa applicazione delle procedure di autocontrollo. Tutto è stato notificato anche al personale dell'azienda sanitaria che ha disposto l’immediata chiusura del locale e la sospensione dell’attività del salumificio. Il valore del locale è stato stimato in circa un milione di euro.

I carabinieri hanno infine disposto il “blocco sanitario” di tutti i prodotti - oltre 200 chili di carne lavorata  - presenti in magazzino, pronti per la vendita ma che non potranno essere movimentati dall’azienda.