Bidelli, assistenti, cuochi e infermieri: candidature aperte per il reclutamento

Personale scolastico riordina un laboratorio di computer (foto d'archivio)

Fino al 22 aprile si può fare domanda per entrare nelle graduatorie da cui gli istituti attingono per coprire i posti vacanti

GROSSETO. C’è ancora una settimana di tempo per cogliere al volo un’opportunità di impiego nella scuola: come collaboratore scolastico (la figura che un tempo si chiamava bidello), assistente amministrativo o tecnico ma anche cuoco e guardarobiere, addetto alle aziende agrarie, infermiere. Per la quasi totalità delle figure – mediamente retribuite con stipendi mensili da 1.200/1.400 euro – si possono fare avanti tutti coloro che possiedono un diploma di scuola media superiore.

COME FUNZIONA


È sufficiente compilare una domanda online (visitando il sito web istruzione. it/polis/Istanzeonline.htm): essa consente di essere inseriti nelle cosiddette graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia del personale Ata (personale amministrativo, tecnico e ausiliario) da cui le scuole attingono per coprire le supplenze temporanee per la sostituzione del personale temporaneamente assente o su posti che si sono resi disponibili per altri motivi dopo il 31 dicembre di ogni anno.

IL MOMENTO FAVOREVOLE

Per chi aspira a entrare nella scuola la congiuntura è favorevole per almeno due motivi correlati. Innanzitutto perché con l’emergenza sanitaria da coronavirus sono aumentati “i posti” del personale Ata, attribuiti mediante supplenze temporanee: soprattutto per i collaboratori scolastici che hanno anche la funzione di essere garanti del rispetto delle norme di sicurezza da parte degli allievi. In secondo luogo, oltre a dare opportunità di impiego, tale inedito incremento di fabbisogno di personale a tempo determinato consente anche di accumulare mesi di anzianità per poter chiedere l’inserimento nelle cosiddette graduatorie permanenti Ata – dette “dei 24 mesi” perché per accedere alle quali è richiesta un’anzianità di servizio di almeno due anni – che sono lo scivolo per un’assunzione a tempo indeterminato (leggi servizio sotto).

I REQUISITI

Vediamo i titoli richiesti per essere inseriti nelle graduatorie di terza fascia Ata. Per chi aspira a un posto di assistente amministrativo è sufficiente il diploma di maturità. Per chi vuole essere impiegato come assistente tecnico è richiesto il diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale (tenuta dei laboratori, assistenza a docenti, tenuta del magazzino. . .) . Per cuoco occorre il diploma di qualifica professionale di operatore dei servizi di ristorazione, settore cucina. Per guardarobiere è richiesto il diploma di qualifica professionale di operatore della moda. Può aspirare a un posto per addetto alle aziende agrarie chi ha un diploma di qualifica professionale di: operatore agrituristico; agroindustriale; agroambientale. Per chi vuole essere impiegato come infermiere è richiesta la laurea in scienze infermieristiche o altro titolo valido per l’esercizio della professione d’infermiere. Per i collaboratori scolastici è sufficiente un diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale o attestati e/ o diplomi di qualifica professionale di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalla Regione. Titoli più alti rispetto a quelli richiesti assicurano punteggi. Per saperne di più, si può consultare il sito web orizzontescuola.it o si può chiedere un aiuto per la compilazione della domanda a Cgil Cisl, Uil. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA