Contenuto riservato agli abbonati

Covid, cinque decessi in tre giorni al Misericordia: dall'inizio dell'anno 50 vittime del virus

Il più giovane è uno scarlinese di 68 anni e il più anziano un argentarino di 94 anni, in tutto 28 nuovi contagiati

GROSSETO. È un bollettino Covid che stringe il cuore quello diramato ieri dall’Asl Toscana sud est di Grosseto. L’azienda sanitaria riferisce di ben cinque decessi avvenuti tra il 4 aprile e ieri all’ospedale Misericordia di Grosseto, nei due reparti dedicati ai malati Covid. Con loro dal 1° gennaio sono 50 le persone decedute a causa del Covid in provincia di Grosseto, sei delle quali provenienti dall’altro ospedale Covid dell’Asl sud est, quello di Arezzo.

Il virus, che sembrava aver dato una tregua il 2 e il 3 aprile, continua a infliggere lutti alle famiglie. Le persone decedute sono tre uomini e due donne. Il più giovane è lo scarlinese Mario De Lio, classe 1953, deceduto il 5 aprile. Era in ospedale dal 21 marzo, prima in malattie infettive poi, una settimana dopo, in terapia intensiva (vedi articolo nella cronaca di Follonica).


Di appena un anno più anziano un paziente proveniente dal reparti di terapia intensiva dell’ospedale San Donato Arezzo, trasferito a Grosseto il 26 marzo. È morto il giorno di Pasqua.

Sempre dalla terapia intensiva aretina proveniva una paziente di 84 anni, morta il giorno successivo. Era stata trasferita a Grosseto il 23 marzo. Le altre due vittime del Covid sono una 89enne grossetana, che era ricoverata in malattie infettive, ed è deceduta il 5 aprile dopo dieci giorni di degenza, e un 94enne di Monte Argentario, morto ieri in malattie infettive dopo nove giorni di ricovero.

Di fronte a un così alto numero di decessi in così pochi giorni, si smorza il sollievo verso due dati positivi, restituiti dal bollettino: quello dei nuovi contagi, che ieri sono stati 28, circa la metà rispetto al giorno prima (50), e quello dei guariti, che in provincia sono stati 56. I tamponi effettuati sono stati 371 (erano stati 209 lunedì).

La fascia d’età con più casi è quella dei 50-64 anni (dieci casi), seguita dai 19-34enni (sette casi), dai 35-49enni (sei casi) e dagli under 18 (quattro casi). Un caso si è registrato anche nella fascia d’età sopra gli 80 anni. Sul territorio provinciale sono così suddivisi: 12 nel comune di Grosseto, cinque in quello di Orbetello, quattro in quello di Gavorrano, due ciascuno in quelli di Follonica e Massa Marittima, uno ciascuno nei comuni di Castiglione della Pescaia, Scansano e Scarlino.

Nei due reparti Covid scende il numero dei ricoverati, per effetto dei decessi registrati in questi giorni, ma ci sono stati anche nuovi ricoveri: malattie infettive passa da 59 a 58 letti occupati, terapia intensiva da 17 a 16. Le persone positive in carico all’Asl Toscana sud est per la provincia di Grosseto sono attualmente 1.051; 955 di loro sono seguite a casa. Le persone in quarantena, perché contatti di positivi, sono 1.203, cioè 40 in meno rispetto al giorno prima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA