Comune di Grosseto in zona rossa da lunedì insieme ad Arcidosso e Castel del Piano

Restano arancioni Follonica e Roccastrada. Resta rosso anche Scarlino

GROSSETO. Il comune di Grosseto diventerà zona rossa da lunedì. Ne dà notizia il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna sul suo profilo Facebook.

La decisione scaturisce dal confronto sui dati dei contagi ancora in corso con il direttore generale Asl Antonio D'Urso e il presidente della Regione Eugenio Giani.

La decisione sarà effettiva non appena il presidente della Toscana firmerà l'ordinanza.

Tra i territori zona rossa Vivarelli Colonna cita anche Castel del Piano, Seggiano, Roccastrada, Follonica e Arcidosso, ma il lockdown è confermato solo per Castel del Piano e Arcidosso.

Il sindaco di Follonica, Andrea Benini, dopo aver chiesto una revisione dei dati dei contagi per stabilire con certezza se ci sono i numeri da zona rossa, ha concordato con Giani di restare in zona arancione.

E così il collega Francesco Limatola di Roccastrada: anche qui resta la zona arancione perché, come spiegato da Limatola nei giorni scorsi, i casi sono molto diluiti nel territorio.

Gavorrano, che al contrario non aveva abbastanza contagi per far scattare la zona rossa, inizialmente su richiesta del sindaco Marcello Biondi aveva chiesto il lockdown se anche i comuni limitrofi _ Follonica e Roccastrada _ fossero andati in zona rossa. Visto che i "vicini" restano arancioni, anche Gavorrano, dunque, resterà arancione.

Resta zona rossa, per un'altra settimana, il comune di Scarlino.

Per il Comune di Grosseto il tasso di positività è di 432 su 100mila abitanti, ben oltre la soglia dei 250 su 100mila oltre la quale scatta la zona rossa. "Siamo sopra la soglia prevista per il passaggio da zona arancione a rossa _ dice Vivarelli Colonna _ e questo impone di prendere provvedimenti immediati per fare in modo che la situazione resti sotto controllo".

Il sindaco invita a "rispettare le norme, a prestare attenzione al distanziamento e a evitare assembramenti: al momento non ho intenzione di emettere ordinanze ulteriormente restrittive, come la chiusura di alcuni luoghi pubblici, ma – proprio per questo – mi affido al buonsenso e alla correttezza dei cittadini. Prestiamo attenzione".

Vivarelli Colonna annuncia anche una stretta dei controlli nel fine settimana.

Giudizio "sospeso", ancora per Seggiano, dove ci sono solo due casi che, a fronte di meno di 1.000 abitanti, alzano l'indice di positività ma non rappresentano ancora una minaccia generale. Il sindaco attende per la serata la decisione di Firenze.