Aggredisce la moglie: arrestato dai carabinieri

Quarantaseienne finisce in carcere, non poteva avvicinarsi alla donna 

SEMPRONIANO. I carabinieri della stazione di Semproniano e del nucleo radiomobile di Pitigliano sono intervenuti la scorsa notte in un’abitazione del comunione amiatino, arrestando un 46enne, per maltrattamenti nei confronti della moglie.

I fatti hanno avuto inizio quando al 112 arriva una chiamata, in cui l’operatore sentiva esclusivamente una donna piangere: nonostante i tentativi del carabiniere della centrale di far parlare la sua interlocutrice, la telefonata si concludeva perché la donna riattaccava senza proferire parola. Il militare aveva però capito che la situazione doveva essere approfondita immediatamente, per cui ha rintracciato l’utenza telefonica, intestata a una donna che vive nel borgo amiatino: è stata a questo punto determinante la conoscenza del comandante della stazione di Semproniano, che sentiti i fatti ha subito ricollegato la situazione – il maresciallo era infatti a conoscenza della difficile situazione familiare tra i coniugi - e attivato un intervento immediato.

Giunti sul posto, i carabinieri hanno trovato la donna, in lacrime e col volto tumefatto: ha raccontato di essere stata aggredita dal marito, già sottoposto alla misura dell’allontanamento dalla casa familiare per vicende analoghe. Affidata la donna alle cure del 118, i carabinieri si sono messi alla ricerca del marito rintracciandolo poco dopo. L’uomo è stato arrestato: dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti, lesioni personali e violazione della misura di allontanamento.