Furgone vuoto per 100 metri in retromarcia, paura a Porto Ercole

Niente freno a mano. E il veicolo senza autista imbocca all’indietro la discesa: travolge arredi, scatena il panico e alla fine si ribalta in mezzo alla strada

MONTE ARGENTARIO. Un furgone è sfrecciato per oltre cento metri in retromarcia senza autista, scatenando la paura nella via principale di Porto Ercole, ieri.
Il mezzo ha divelto cartelli stradali, travolto vasi e altri arredi. Per fortuna illesi i passanti, che vedendosi passare a fianco il mezzo senza conducente, per di più a marcia indietro, si sono spaventati ma alla fine hanno tirato un sospiro di sollievo non appena quello si è fermato, ribaltandosi.
Tutto è successo intorno alle una di ieri, in pochi secondi in via Caravaggio, la strada dedicata al famoso pittore che si trova non appena si entra all’interno del paese argentarino. Arteria da cui si possono ammirare le più belle fortificazioni che dominano il versante sud del promontorio e che, anche grazie al ritorno della Toscana in zona gialla, ieri mattina è tornata ad avere negozi aperti e gente a lavoro e anche a passeggio.

 

Com’è stato appunto ieri, nel caso dei titolari delle attività commerciali situate proprio sul marciapiede di fronte alla carreggiata, che si sono visti sfrecciare un furgone bianco davanti agli occhi. Il veicolo appartiene a un autista corriere che, probabilmente per una dimenticanza o una distrazione, una volta parcheggiato il mezzo pare non abbia azionato il freno a mano, almeno stando alle dichiarazioni di chi ha visto la scena.
Con la strada in pendenza, il furgone ha preso subito velocità in retromarcia lungo la via, incontrando sulla sua strada anche dei vasi, una ringhiera e due cartelli stradali, puntualmente divelti, prima di arrestare la sua corsa e rovesciarsi sul fianco sinistro, dopo aver urtato il muretto che delimita via Caravaggio lato mare.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Porto Ercole, che hanno anche regolato il senso di marcia dopo che il furgone ha invaso parte della carreggiata, dopodiché è stato rimosso un paio d’ore più tardi grazie all’intervento di un carro attrezzi. La corsa del mezzo si è fermata dopo più di cento metri, ma non ha incontrato nessun pedone sulla sua strada. Per fortuna si sono registrati solo alcuni danni agli arredi urbani che ha incontrato sul suo percorso impazzito. «Ho visto il furgone passarmi davanti al negozio – racconta un commerciante della zona – mi sono anche spaventato. Avrà percorso più di cento metri in retromarcia senza nessuno a bordo, credo che sia partito dalla zona della farmacia o forse ancora più su, per fermarsi di fronte al bar centrale dopo aver abbattuto due cartelli, dei vasi e danneggiato una parte di ringhiera. Meno male che nessuno si è fatto male». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA