Contenuto riservato agli abbonati

Economia e turismo nelle mani di Marras: «Tanta emozione ma ora subito al lavoro»

Regione Toscana, prima riunione di giunta dopo il tira e molla sulle deleghe: «Non è stato un bello spettacolo, ora un avvio scoppiettante»

GROSSETO. Prima giornata da assessore, oggi, per Leonardo Marras al quale il presidente della Regione Eugenio Giani ha affidato il superassessorato all’economia e al turismo. Confermate, dunque, le indiscrezioni trapelate nei giorni immediatamente precedenti l’insediamento del nuovo consiglio, che davano appunto Marras in corsa per un assessorato che avrebbe riunito deleghe pesanti.

Marras lascerà il suo posto in consiglio regionale a Donatella Spadi e la provincia di Grosseto avrà una rappresentanza in giunta regionale e due consiglieri regionali, uno di maggioranza – Spadi, appunto – e uno di opposizione, Andrea Ulmi della Lega. Oggi Giani ha ufficializzato le deleghe, rimaste in sospeso in attesa della nomina dell’ottavo assessore, nella seduta del consiglio regionale di mercoledì.


Dopo la prima riunione di giunta a Firenze, Marras si è messo subito al lavoro, quasi a voler recuperare il tempo perduto in attesa delle nomine. Da politico giovane, ma navigato, Marras ammette che «Non è stato proprio come il primo giorno di scuola», ma l’emozione c’era. «Sapere che c’è da occuparsi dell’economia di una regione così importante, una delle più grandi industrie d’Italia, una delle più importanti destinazioni turistiche del mondo, che ha centinaia di migliaia di imprese che oggi soffrono, è qualcosa che necessariamente deve emozionarti. Certo che c’è una grande emozione – dice – e, francamente, anche una voglia di misurarsi con queste difficoltà e di cercare di portare il maggior contributo possibile affinché vengano alleviate».

Nello specifico, Marras si occuperà di sostegno economico all’artigianato, alle piccole e medie imprese, e all’industria, di promozione e internazionalizzazione del sistema produttivo, di imprenditoria giovanile e femminile, di politiche del credito, di turismo, commercio, fiere e mercati. Deleghe che richiederanno sinergie con altri assessorati e un lavoro di squadra. «È inevitabile – dice il neo assessore – quando si parla di economia e di lavoro bisogna agire insieme, anzi sarà una sfida quella di provare a mettere insieme i fondi che, invece, sono sempre stati usati in maniera separata». Da un punto di vista politico, la maggioranza non ha dato un bello spettacolo in questo avvio di legislatura. Marras non lo nega, ma «È stata – dice – una vicenda politica drammatizzata, in realtà è successo quello che sarebbe successo anche in altri momenti: c’è la prima seduta del consiglio e c’è una situazione che deve essere composta in una coalizione. Era giusto che il Pd facesse ogni sforzo perché la maggioranza in consiglio fosse adeguatamente soddisfatta ed è stata trovata un soluzione onorevole e che rende giustizia a Stefania Saccardi che ha accettato di svolgere il ruolo di vicepresidente dopo essere stata assessore alla sanità. Certo – aggiunge – non abbiamo dato un grande spettacolo, va riconosciuto, anche per questo il nostro lavoro deve avere un avvio scoppiettante».

Da Grosseto arriva a Giani e a Marras l’augurio di buon lavoro del segretario provinciale del Pd, Giacomo Termine. Il Pd maremmano «saluta con orgoglio l’impegno che attende Leonardo Marras. È un riconoscimento, innanzitutto, alle sue capacità, poi, anche, al valore delle comunità che rappresenta. Grosseto governerà una larga fetta delle materie che disegneranno il futuro delle imprese e del sistema economico toscano. Leonardo Marras – prosegue Termine – già come capogruppo ha dimostrato la sua capacità di visione politica e di ascolto con tutti i territori toscani e in particolare con la nostra provincia. Siamo certi che anche in questo nuovo e importante ruolo garantirà una politica fatta con le persone e tra le persone».