Coeso, i sindaci bocciano Vivarelli Colonna

Il sindaco di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna (foto Agenzia Bf)

Il sindaco di Grosseto non è riuscito a ottenere i voti necessari per diventare presidente. Approvato, invece, il bilancio

GROSSETO. E’ stato approvato il bilancio consuntivo 2019 e il bilancio pluriennale di previsione 2020-2023 del Coeso. La novità più significativa è l’impegno dei 20 comuni e dell’Asl Sud Est ad aumentare la quota sociale pro capite. Sono stati anche uniformati i servizi per la non autosufficienza e stanziate ulteriori risorse per finanziare il cosiddetto prestito d’onore, fondamentale per far fronte alla crisi economica legata all’emergenza Covid. Queste, in estrema sintesi, le novità contenute negli strumenti contabili, due documenti che fotografano lo stato economico dell’ente che eroga servizi per oltre 170mila cittadini dell’area socio sanitaria Grosseto, Amiata, Colline Metallifere.

Sfuma invece l'elezione del nuovo presidente. Le polemiche che hanno accompaganto la vigilia del voto sono sfociate nella mancata nomina di Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto, che non è riuscito a ottenere la maggioranza dei voti dei singoli sindaci (ha ottenuto quella delle quote).

Dopo i primi due anni di esistenza del Coeso, in cui la presidenza spettava a un rappresentante delle Colline Metaliffere _ ruolo svolto da Giacomo Termine (Monterotondo Marittimo) _ per i prossmi due anni il Coeso deve essere presieduto da un rappresentante dell'area grossetana.

In pole c'era, appunto, il sindaco di Grosseto, che però ha avuto voto contrario dai sindaci di Monterotondo Marittimo, Massa Marittima, Montieri, Gavorrano, Civitella Paganico, Roccastrada, Castiglione della Pescaia, Cinigiano, Santa Fiora, Seggiano, Arcidosso, Castell’Azzara, tutte amministrazioni di centrosinistra. A favore invece Grosseto, Campagnatico, Scarlino, Roccalbegna, Castel del Piano e Semproniano, che con Grosseto condividono l'amministrazione di centrodestra.

Il commissario prefettizio che amministra il comune di Follonica, Alessandro Tortorella, ha scelto l’astensione, così come il rappresentante della Asl.

Non ha partecipato al voto il rappresentante del Comune di Scansano che ha lasciato l’assemblea all’inizio dei lavori perché in disaccordo.

Vivarelli Colonna, che si è presentato con l'avvocato Alessandro Antichi, si è detto pronto a fare ricorso al Tar.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi