Hai una vecchia casa lontano dalla costa? Puoi fare affari sul mercato immobiliare

Società e privati in home working sono a caccia di appartamenti nelle zone interne spinti da originali formule di acquisto

Se il prezzo al metro quadro continua a scendere – in media del 2-3%, secondo Fiaip Grosseto – sul mercato immobiliare della Maremma e dell’Amiata gli esperti intercettano anche fenomeni inediti o che non si registravano da molto tempo, e che contribuiscono a ridare un certo brio al settore. Per esempio, tornano a essere appetibili case vetuste e tutt’altro che di prestigio, di un certa metratura, lontano dalla costa e in località un po’ “inerpicate”; e pensare che proprio questo è stato il segmento che negli ultimi anni ha sofferto di più: pensiamo alla sterminata offerta di appartamenti sfitti nei comuni amiatini. E sul fronte degli affitti, pur con delle sacche “svuotate” dalla penuria di vacanzieri dall’estero, si registra un allungamento del periodo di soggiorno, e su questo fronte ha sicuramente avuto effetto l’emergenza sanitaria da coronavirus.

LA SOLUZIONE APPETIBILE


Si chiama rent-to-buy o affitto con riscatto, è un’opzione che consente di stipulare un contratto d’affitto che poi – volendo, ma non è un obbligo – si potrà trasformare in una compravendita. Ed è questa la chance, per altro non nuova, che sta ridando humus al settore locale del mattone, soprattutto a quello asfittico delle zone lontane dal mare e di scarsa appetibilità. Parliamo di appartamenti che valgono 200/ 400 euro al mq, datati, non belli ma abitabili con qualche lavoretto di ristrutturazione, che si concentrano nei comuni della Montagna Amiatina ma non solo. Supponiamo di essere proprietari di un appartamento a Castell’Azzara di 100 mq che vale 200 euro al mq; prezzo finale, 20mila euro; se un acquirente si fa avanti, grazie al rent-to-buy può versare (ma non è costretto) un piccolo anticipo e andarci ad abitare pagando un canone di affitto mensile al proprietario che verrà scomputato dal valore dell’immobile (20mila euro); proprietario e acquirente fissano un lasso di tempo – in genere tre anni – al termine del quale, se l’acquirente è ancora intenzionato, si può perfezionare la compravendita. I vantaggi ci sono da entrambe le parti; il proprietario (che però nei tre anni non può tirarsi indietro) ha messo a reddito il mattone (qualcosa gli entra) e ha qualcuno che gli cura a proprie spese l’appartamento, altrimenti sfitto; mentre l’acquirente testa se l’immobile può fare al caso suo senza impiccarsi con rate di mutui che non potrebbe sostenere. Da sapere c’è che le spese fiscali non possono essere “scalate”.

LA MAPPA

Ebbene questa formula sta funzionando. «Ci sono società immobiliari liguri – nota Luca Vitale, agente immobiliare e presidente della Fiap grossetana – ma anche singoli professionisti che sono ancora in home-working a seguito dell’emergenza sanitaria e persino stranieri che, tramite il rent-to-buy, hanno messo gli occhi su diversi immobili. È accaduto a Roccastrada, Roccatederighi, ma anche a Monticello Amiata, Montelaterone», tutte zone in cui il mercato immobiliare stava sprofondando.

EFFETTO COVID

Come già emerso al termine della fase più cruenta della pandemia, «Arrivano richieste per abitazioni con balconi, giardini, grandi spazi – nota Vitale – Insomma si segue ciò che il lockdown ci ha insegnato, tra cui anche un modo differente di vivere la casa. E penso che la nostra Provincia possegga già certe caratteristiche e per questo sia più appetibile in questo momento particolare». Tant’è che «se In Italia si parla di una riduzione fino a 200mila compravendite – sottolinea il presidente di Fiaip Grosseto – nella nostra Provincia non c’è stato un calo cosi marcato».

GLI AFFITTI

Intanto il mercato locativo sulla costa maremmana si difende anche senza stranieri. «Anzi, rispetto agli anni passati – dettaglia Vitale – gli affitti sono più lunghi: se il professionista di Bergamo è ancora in home working, ne approfitta per lavorare in riva al mare» e “agganciare”, poi, le ferie. Soffrono invece le zone tradizionalmente attraenti per americani, inglesi, svizzeri, «come la media collina, Manciano e Semproniano», per esempio; mentre si riscontra «una situazione a macchia di leopardo per le Colline Metallifere»: chi non ha trovato posto a Follonica, si sposta un poco all’interno, da Massa Marittima a Scarlino. —


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi