«Il nostro atto resta a testimoniare le responsabilità»