«Barontini non aveva aggravato il dissesto»