Progetto Porto Ercole a colloquio col sindaco per il molo e la ex Cirio

Progetto Porto Ercole a colloquio con il sindaco, con un occhio al molo frangiflutto e alla Cirio.

Progetto Porto Ercole a colloquio con il sindaco, con un occhio al molo frangiflutto e alla Cirio. Cresce l’attività del sodalizio portoercolese per dare al paese delle possibilità di sviluppo sia in ambito portuale che lavorativo.

Per questo il gruppo, che si definisce «osservatore e suggeritore», si è presentato nei giorni scorsi davanti al primo cittadino Franco Borghini nell’incontro che si è tenuto nella sala comunale della delegazione di Porto Ercole. Un incontro collaborativo tra i cittadini, i soci dell’associazione e il sindaco su tematiche fondamentali. «Appuntamento nel quale abbiamo esposto i nostri pensieri e la nostra visione rispetto alle azioni da mettere in campo per lo sviluppo di Porto Ercole – dice il presidente Gino Fiorentini –, consapevoli che più un paese è protetto dall’amministrazione e dalla comunità dei residenti più si sviluppa e cresce. È stato il primo passo per entrare in relazione e comprendere come chi ci governa sta lavorando e lavorerà per attuare quanto era stato indicato in sede di programma elettorale».


La riunione ha toccato temi importanti come il progetto di recupero della ex Cirio. «È stata evidenziata la conclusione positiva del procedimento urbanistico – sottolinea il presidente –, si attende adesso la presentazione del progetto definitivo da parte della proprietà. Ma anche la metanizzazione, di cui si prevede la messa in funzione per il prossimo inverno. C’è anche il progetto per realizzare la rotatoria all’inizio del paese, che metterà in sicurezza la viabilità in una zona tanto critica».

Importante anche la messa in sicurezza del porto (nella foto il molo), con l’allungamento e la valorizzazione del frangiflutto, per il quale si è tenuto un importante incontro tra rappresentanti del Comune e i tecnici della Regione per sbloccare il procedimento che porterà alla messa in sicurezza del porto. «Abbiamo fatto presente che il tesoro che il nostro paese rappresenta è affidato all’efficacia delle azioni e ai percorsi amministrativi – dice Fiorentini –, che assumeranno un ruolo fondamentale sia per la creazione di opportunità di lavoro per i nostri ragazzi sia per dare il decoro che il paese merita. Noi saremo sempre al fianco di chi prende in considerazione queste esigenze, convinti che il singolarismo non può riuscire a fare ciò che può fare un gruppo di persone. Chi fosse interessato a partecipare alle attività dell’associazione può contattarci a info@progettoportoercole. it o telefonare al 339 7056480». —