«Quell’asilo non è un lager, ma i maltrattamenti ci sono»

Le motivazioni della condanna delle maestre, confermato il “metodo azzurriano”: «Le condotte illecite sono sorte tutte in momenti di maggiore stress»