Abusa di una bambina: arrestato un carabiniere. L'Arma lo sospende dal servizio

Grosseto: l'uomo, che ha circa 50 anni, è stato portato in carcere. È stata la nonna materna a notare per prima strani comportamenti nella piccola

GROSSETO. È stato arrestato e accompagnato in carcere un carabiniere di circa cinquant'anni accusato di abusi sessuali su una bambina che ha meno di 10 anni di età. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata firmata dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Grosseto, al quale la Procura aveva chiesto l'aggravanmento della misura: l'uomo infatti, aveva contravvenuto all'obbligo di non avvicinamento all'abitazione dove vive la piccola. In serata il comando generale dell'Arma ha comunicato la sospensione del carabinieri dal servizio.

Del carabiniere non possono essere indicate le generalità a tutela della minore e a salvaguardia dell'anonimato della stessa. Al militare è stato contestato il reato di violenza sessuale aggravata.

L'uomo, in un primo momento, non avrebbe potuto dimorare nel comune dove viveva e non poteva avvicinarsi alla bambina. Divieto che però non è stato rispettato. Le indagini sono state fatte dagli uomini del nucleo investigativo dei carabinieri ed erano cominciate dopo che la nonna della bambina aveva presentato denuncia. I militari del nucleo investigativo hanno eseguito una perquisizione a casa dell'uomo, sequestrando del materiale. Quando sono scattate le manette ai polsi del carabiniere, lui non ha detto nemmeno mezza parola. E' stato accompagnato al carcere di Prato.

A capire che qualcosa non andava è stata per prima la nonna materna che non riusciva a spiegarsi alcuni comportamenti della piccola. È infatti stata proprio la donna, appena avuto qualcosa di più di un sospetto grazie alle poche parole carpite alla bambina, a rivolgersi alla polizia. La procura di Grosseto, così, nel più stretto riserbo ha aperto un fascicolo e i carabinieri hanno iniziato le indagini sul collega 50enne che, per motivi familiari, aveva occasione di intrattenersi anche da solo con la bimba.

Le indagini hanno portato la procura ad accusare il militare di violenza sessuale aggravata e il giudice ha emesso una prima misura cautelare, con la quale ha allontanato l'uomo dalla bambina. Lui, però, ha cercato in ogni modo contattarla anche telefonicamente. Da qui l'arresto del militare chiesto dalla procura e disposto dal gip. "Dell'uomo - spiega il procuratore di Grosseto Raffaella Capasso - non vengono indicate le generalità a tutela della minore e a salvaguardia dell'anonimato della stessa". 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi