Bagnore, no alla richiesta danni di Enel

Da sinistra Roberto Barocci, Massimo Ceciarini e Pino Merisio

L’azienda citò Merisio (Prc) per diffamazione, ma il Tribunale le dà torto: «Ha solo esercitato il diritto di critica»