«Reticenza per un caso del 2005»

Processo Concordia: lunedì si parlerà dell’incidente di Costa Fortuna a Sorrento

GROSSETO. Potrebbe anche assentarsi lunedì mattina, Francesco Schettino, anche se non lo farà. Potrebbe assentarsi perché alla ripresa del processo (sarà la 23ª udienza) si parlerà di un’altra nave e di un altro comandante. Si parlerà della Costa Fortuna che, comandata da Giuseppe Russo, il 13 giugno 2005 avrebbe urtato contro un basso fondale a circa 300 metri dalla costa di Sorrento. Un episodio che non era stato denunciato come tale: il comandante annotò che la nave, tra Napoli e Palermo, «aveva subìto un anomalo innalzamento della temperatura della boccola dell’asse sinistro che causava delle rientranze d’acqua».

Perché la Procura chiede di parlare di questo episodio, citando gli uomini della capitaneria di porto di Palermo (i presenti dovrebbero essere due sui quattro convocati) che eseguirono le indagini? Perché si tratterebbe di un comportamento “esemplare”, del tutto analogo alla tragedia della Concordia: quasi tutti i soggetti allora intervenuti avrebbero tenuto «un atteggiamento al limite della reticenza e si sarebbero potute in qualche modo ipotizzare seriali violazioni di legge nell’esercizio della flotta Costa».

A far scoprire il caso era stato il 18 gennaio 2012 (cinque giorni dopo l’urto con le Scole al Giglio) l’ex fotografo di bordo della Fortuna, Roberto Cappello, anche lui citato. Il quale alla guardia costiera aveva raccontato che, dopo essere stato incaricato di scattare immagini della carena, «gli erano stati sequestrati i files fotografici e che venne minacciato», anche di essere sbarcato e denunciato. Anche in quella circostanza, responsabile della crisi a terra era Roberto Ferrarini.

Tutt’altra udienza sarà quella di martedì, quando verrà sentito il comandante in seconda Roberto Bosio, a suo tempo indagato.

Con le udienze al teatro Moderno, tornano gli usuali divieti di circolazione e sosta nell’area circostante, secondo le modalità riportate nel sito internet del Comune di Grosseto.(p.s.)