Baby club, qualità e sorrisi al posto del “mordi e fuggi” ma non è una sfida facile

Serve un turismo sempre più cucito addosso alle esigenze del cliente tra family hotel, spiagge attrezzate per gli animali e ristoranti senza bambini