L'Empoli non c'è, il Sassuolo passeggia e vince 5-1

Szymon Zurkowski in azione durante Empoli-Sassuolo (foto Sestini)

L'ex tecnico Alessio Dionisi, pesantemente beccato dai tifosi azzurri, si è preso la rivincita dopo la sconfitta dell'andata. Viti: due gialli in trenta secondi

EMPOLI. Il Sassuolo passeggia sulle macerie dell'Empoli e l'ex Alessio Dionisi, pesantemente beccato dai tifosi azzurri, si prende una rivincita con gli interessi dopo la sconfitta interna dell'andata. Forse la peggior partita degli azzurri nella stagione, col parziale alibi delle assenze (Luperto, Romagnoli, Bandinelli, Parisi), cui si è aggiunto l'infortunio di Di Francesco e l'uscita anzitempo di Marchizza, che ha indotto Andreazzoli a spostare Viti dal centro della difesa sulla fascia sinistra.

Il giovane difensore azzurro ha rimediato due cartellini gialli in trenta secondi all'ora di gioco per altrettante trattenute su Berardi e la partita in pratica è finita lì perché il Sassuolo era già avanti 2-1 (rigore di Berardi ed eurogol di Raspadori) e ha avuto gioco facile per arrotondare con Scamacca e poi ancora con Raspadori e Scamacca.

Unica nota positiva il primo gol di Henderson per il momentaneo pareggio al 16'. Ora Andreazzoli dovrà raccogliere i cocci per preparare la difficile trasferta di domenica a Venezia.