Aveva 23 kg di hashish in auto: arrestato 65enne
 

Il carico di hashish sequestrato dai finanzieri all’uomo di Castelfiorentino arrestato

L’uomo, residente a Castelfiorentino, era al volante di una Classe A e si stava dirigendo da San Miniato verso Siena

Castelfiorentino. Una segnalazione precisa che si è rivelata azzeccata quella che ha permesso alla Guardia di finanza di arrestare un 65enne di Castelfiorentino con l’accusa di traffico di sostanze stupefacenti per aver detenuto 23 chili di hashish. È successo sul territorio di San Miniato dove i finanzieri della sezione antiterrorismo e pronto impiego del gruppo della Guardia di finanza di Pisa hanno atteso il passaggio dell’uomo, al volante di una Mercedes Classe A, per procedere all’alt. 
 
Un accertamento disposto sulle principali vie di comunicazione «nell’ambito del dispositivo di controllo economico del territorio e di repressione dei traffici illeciti», spiegano dal comando pisano delle Fiamme Gialle. 
I finanzieri si sono schierati sulle strade di maggiore transito effettuando una serie di pattugliamenti lungo le arterie che collegano il capoluogo pisano con le principali province limitrofe. La dritta su una Classe A che avrebbe trasportato un carico di droga è servita alla pattuglia a fermare l’auto sospetta. Nel corso del servizio, i militari hanno individuato una auto Mercedes “Classe A” sottoponendola a controllo mentre si stava dirigendo da San Miniato verso la provincia di Siena. 
 
A bordo c’era solo il conducente, un italiano di 65 anni, residente ne comune di Castelfiorentino che ha mostrato, fin da subito, un atteggiamento nervoso alla presenza dei finanzieri. La perquisizione iniziata con legittime aspettative si è conclusa con il ritrovamento del carico. Era stato sistemato, senza neanche occultarlo, nel vano bagagli dell’auto. I panetti erano stati messi in un borsone da calcio, ma anziché scarpette, pantaloncini e magliette i finanzieri hanno trovato 23 kg di hashish. Il 65enne, senza accampare scuse di fronte all’evidenza, è stato arrestato in flagranza di reato per traffico di sostanze stupefacenti e portato in carcere in attesa dell’interrogatorio di convalida davanti al gip.