Contenuto riservato agli abbonati

Villa Petriolo punta agli Stati Uniti e apre un centro benessere

o una veduta di Villa Petriolo vicino a Cerreto Guidi

Cerreto Guidi: nella nuova agri-spa saranno usati i prodotti dell’azienda a chilometri zero. L’imprenditore Nannetti: « Siamo al 50% della nostra idea di investimento»  

CERRETO GUIDI. La struttura turistica di Villa Petriolo guarda al 2022 con un importante investimento: la nascita di un edificio, un agri - spa, dove troveranno spazio tutti i prodotti legati al benessere che la stessa tenuta realizza all’insegna della ecosostenibilità e a chilometri zero. Sarà questa la principale novità del prossimo anno per la tenuta di proprietà italo - messicana che ha chiuso il 2021 puntando sul mercato europeo e che nell’immediato futuro si prepara ad accogliere il ritorno di clienti americani.

La proprietà sta infatti chiudendo proprio in queste settimane accordi con agenzie americane specializzate in questo settore che sta avendo in questo momento un buon riscontro di interesse. «Perché il nuovo lusso adesso non è dato solo dai servizi, ma dagli spazi che si mettono a disposizione», spiega Daniele Nannetti, uno dei soci di Villa Petriolo. Con lui c’è il gruppo messicano Cuadra, molto attivo nel mondo della moda.Il 2021 ha dato risultati importanti considerato il fatto che la stagione a Petriolo è cominciata a giugno. «Offriamo un prodotto che nel mezzo di una pandemia, come quella che stiamo vivendo, è appetibile. Puntiamo molto sulla ecosostenibilità, con prodotti a chilometri zero e in piena campagna», prosegue Nannetti. Da segnalare il fatto che in questo 2021 molti clienti si sono presentati in Toscana a bordo delle loro autovetture elettriche e non. La necessità di viaggiare e sentirsi sicuri, senza frequentare luoghi affollati, è una delle novità che il Covid 19 ha lasciato nelle nuove tendenze di chi viaggia per le vacanze.


Per il 2022 a Villa Petriolo si sta lavorando sullo sviluppo della filiera agricola e su una linea di prodotti che nascerà a disposizione dei clienti che decideranno di soggiornare. Prodotti incentrati direttamente sulla cura e il benessere della persona. Sarà realizzato un edificio, una vera spa con prodotti agricoli, all’interno dei 170 ettari di Villa Petriolo. Vi sarà anche un laboratorio dove saranno sviluppati prodotti erboristici. La salute, il benessere e la cura del corpo saranno così i temi più importanti del 2022, assieme al ritorno di clienti che superano i confini europei. «Siamo al 50% di quello che è la nostra idea di investimento, abbiamo ancora molte potenzialità ed idee da mettere in campo», prosegue Nannetti. Il ritorno degli americani darà nuova linfa a Villa Petriolo, la quale, assieme a tante altre strutture del territorio, ha pagato l’assenza di clienti fuori dai confini europei. La risposta interna però è stata altrettanto all’altezza e questo permette di programmare il futuro con fiducia. Nel 2022 vi sarà anche un miglioramento delle strade che permettono di raggiungere Villa Petriolo, oltre che un aumento della potenza energetica, ricavabile dai pannelli fotovoltaici. Con 70 posti letto, 2 cantine e una produzione agricola che spazia in tanti ambiti, come olio, vino, bovini, suini, grani antichi, faro, legume ed orti, il panorama di Villa Petriolo parla interamente toscano. Qui vi lavorano 40 persone e sono interamente del territorio. «Abbiamo un progetto che unisce storia e patrimonio artistico in una villa vincolata per la sua importanza. La proprietà messicana è soddisfatta dei risultati arrivati perché le riflessioni che sono arrivate dai clienti ci indicano che siamo nella giusta direzione», conclude Nannetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA