Rifiuti abbandonati e aree non pulite: scattano multe per quasi ottomila euro

Sono partite in questi giorni dal Comune: a Pontorme scoperto deposito abusivo di carcasse di auto ed elettrodomestici  

Marco Pagli

EMPOLI. Pioggia di sanzioni per illeciti ambientali nel comune di Empoli. Abbandono di rifiuti, mancata pulitura delle aree verdi, deposito di sostanze inquinanti in zone non idonee. Negli ultimi giorni gli uffici comunali che fanno parte dei servizi Espropri e patrimonio e tutela ambientale hanno fatto partire numerose multe per migliaia di euro ai trasgressori.


Tra di loro c’è chi è stato pizzicato dalle telecamere mobili anti abbandono, altri hanno ricevuto la visita della polizia municipale che ha accertato gli illeciti, altri ancora sono stati scovati in seguito a indagini degli agenti locali sul contenuto dei sacchi gettati per strada.

Nel complesso si sfiorano gli ottomila euro di sanzioni comminate a diversi soggetti. Ad essere interessate dal fenomeno sono principalmente le aree periferiche della città: da Villanova e Sammnontana alla frazione di Corniola, fino alla zona produttiva di Pontorme. L’operazione più importante riguarda proprio la prima area, quella tra via di Mezzo, via della Serpa e via della Piovola.

Qui è stato accertato «il deposito di una notevole quantità di rifiuti» che avrebbero potuto contaminare tutta l’area circostante: elettrodomestici, ingombranti, carcasse di auto, rifiuti indifferenziati e in alcuni casi speciali.

Tanto che, in attesa di trovare i responsabili dell’abbandono, l’amministrazione si è mossa per bonificare l’area, affidando l’incarico alla ditta Società soluzione ambiente di Impruneta. Per completare la rimozione è stato necessario realizzare un progetto che tenesse conto della diversa natura e pericolosità dei rifiuti. Nel frattempo, grazie alle indagini della polizia municipale, si è riusciti a risalire ai trasgressori, sui quali adesso pende una sanzione da 6.600 euro. Nella medesima area un nuovo sopralluogo del nucleo di polizia edilizia del comando di Empoli della municipale ha portato alla luce un altro abbandono e deposito di rifiuti a margine della strada di fronte alla recinzione della centralina Enel.

Anche in questo caso i responsabili sono stati individuati e sono stati accusati di «indebitamento di beni pubblici, depauperamento degli stessi beni e danni ambientali». A loro è stata comminata una multa da 550 euro, che servirà in parte a coprire le spese che sono state sostenute preventivamente dall’amministrazione. Quest’ultima, infatti, ha incaricato Alia in via urgente della rimozione dei rifiuti dal momento che rappresentavano «un pericolo per la viabilità e per i passanti». Un altro capitolo relativo agli illeciti ambientali riguarda la frazione di Corniola. Qui, tra via Pigafetta e il retro di via Salaiola, la municipale ha accertato la mancata pulitura di un terreno privato e per questo ha sanzionato il proprietario. La multa è motivata dal fatto che il regolamento di polizia municipale stabilisce che i proprietari di giardini e terreni che si trovano all’interno del centro abitato o in aree di campagna a meno di 100 metri da un’abitazione debbano pulire ogni anno, entro il 30 giugno, gli spazi a verde con falciatura, aratura o fresatura. L’ultimo provvedimento riguarda, invece, l’abbandono per strada di un sacco in via di Pratella, nella zona produttiva di Pontorme. Gli agenti in questo caso sono riusciti a scovare il responsabile a partire proprio dal contenuto del sacco: all’interno, infatti, erano presenti dei documenti che hanno permesso di risalire a colui che aveva abbandonato i rifiuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA