Contenuto riservato agli abbonati

Spray urticante e schiuma contro i coetanei

Studenti-bulli si accaniscono sui più piccoli alla stazione e sui treni della linea Empoli-Siena. La denuncia dei genitori

CERTALDO. Pesanti scherzi e gesti intimidatori nei confronti di studenti valdelsani. Nei giorni scorsi si è riaccesa l’attenzione sugli atti di bullismo con l’avvio dell’anno scolastico, episodi avvenuti sui treni della linea Empoli-Siena e alla stazione di Poggibonsi dove alcuni studenti degli istituti superiori hanno raccontato ai loro genitori fatti spiacevoli. Sono giovani di Gambassi Terme e di Certaldo. Secondo quanto spiegato, ragazzi più grandi avrebbe usato contro di loro spray urticante, schiuma, colla spray fino ad arrivare a legare uno studente con il nastro adesivo ad un cartello stradale. Una serie di azioni che hanno portato molti genitori a essere preoccupati e raccontare quanto avvenuto alle forze dell’ordine.

Da parte sua, la polizia, proprio lo scorso mercoledì, ha intensificato i controlli, con agenti in borghese, alla ricerca degli autori di questi gesti. L’assessore all’istruzione del Comune di Certaldo, Benedetta Bagni, si è messa a disposizione: «Occorre far sì che tali situazioni non si debbano ripetere perché i risvolti si ripercuoteranno nella vita dello studente». Una netta presa di posizione per un fenomeno che è già stato presente nell’Empolese Valdelsa e che vede i treni e i bus come teatri di questi “scherzi” di cattivo gusto. Adesso però, dalle “sculacciate” o qualche disegno con il rossetto in volto, siamo passati a gesti che vanno a ledere ancora di più la dignità dei giovani e qualcuno è dovuto ricorrere alle cure dell’ospedale. Gli episodi segnalati riguardano il treno delle 8 che da Certaldo si dirige a Poggibonsi. A uno studente hanno spruzzato lo spray urticante che ha provocato una escoriazione curata poi in ospedale.

Un altro ragazzo è stato completamente ricoperto di schiuma. A un altro hanno completamente verniciato il volto con la bomboletta spray e quando si è ribellato ha ricevuto anche la colla spray. Uno studente è stato legato con del nastro adesivo a un cartello stradale. E sul giubbotto di una ragazza è stato fatto un disegno osceno

. I genitori dei giovani coinvolti hanno spiegato in modo informale quanto avvenuto alle forze dell’ordine, senza presentare denuncia. Ma hanno chiesto maggiori controlli per dare garanzie ai loro figli e far sì che il viaggio in treno e, all’arrivo sul piazzale antistante alla stazione di Poggibonsi, l’attesa del bus per raggiungere i vari istituti possano essere in sicurezza. Senza la paura di subire qualche gesto lesivo della dignità di ciascuno. E senza dimenticare che poi, decine di tali episodi, finiscono nel vortice della rete, sui social come Tik Tok dove i video brevi sono i più gettonati sulla piattaforma, dove la fantasia e la creatività vengono premiati anche se ci sono gesti di violenza. In questo caso non si tratta di gesti che assomigliano a scherzi ma a veri e propri gesti di bullismo che passano molto spesso impuniti. Il Comune di Certaldo sta seguendo la vicenda e per le sue competenze sta dialogando con le forze dell’ordine per capire quanto sta avvenendo. RIPRODUZIONE RISERVATA