Contenuto riservato agli abbonati

Case, raddoppiate le vendite nell'Empolese Valdelsa

I prezzi rimangono stabili, l'area meno richiesta è quella di Castelfiorentino

EMPOLI. Boom del mercato immobiliare nel dopo lockdown. Tra Firenze e provincia, nel secondo semestre del 2020, le compravendite di immobili hanno fatto volare il mercato, e la tendenza non accenna a fermarsi. La “fotografia” statistica l’ha scattata l’Osservatorio del mercato immobiliare (Omi) dell’Agenzia delle Entrate sulla base dei dati reali degli atti registrati dal notaio e la Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliari professionali) che hanno studiato i movimenti della popolazione e le stime delle quotazioni al metro quadro. Per l’Empolese Valdelsa, si registra circa un più 50,2% di compravendite, e una quotazione da 1.500 a 2.600 euro al metro quadro (Firenze centro, per avere un termine di paragone, va dai 3500 euro ai 6000 al metro quadrato).

Dall’inizio del 2020 le compravendite sono incrementate in tutta Regione, con i prezzi che sono rimasti stabili ad eccezione di alcune precise tipologie di immobili divenuti particolarmente richiesti dopo l’inizio dell’emergenza sanitaria. Si cercando soprattutto case con una camera in più per il lavoro da casa e con una porzione di giardino, ma a fare ancora la parte del leone sulla scelta dell’abitazione sono i servizi e la vicinanza ad essi. «Empoli centro e Montelupo sono tra i più richiesti, per la stazione ferroviaria e perché sono considerate città dove si vive bene – spiega Diego Calugi, referente Fiaip per l’Empolese Valdelsa – non c’è stata la fuga dal centro storico Empoli, nonostante ci sia una carenza di spazi esterni e gli appartamenti sono piccoli, ma i quartieri più ambiti sono Serravalle, Santa Maria e Ponzano. Il centro può essere penalizzato per questa sensazione di insicurezza che a volte si percepisce, ma non scappano dalla città». Dalle quotazioni al metro quadro dell’Agenzia delle entrate si può vedere infatti che i quartieri più ambiti sono Santa Maria-Avane, con un prezzo dai 1700 ai 2150 euro (sempre al metro quadrato), e Corniola-Case Nuove, con 1600-2250 euro. Il centro invece si aggira sul 1700-2200 euro. «Ma ci sono delle distinzioni – dice Calugi – viale Buozzi è considerato una zona di prestigio, mentre via Fabiani popolare, eppure sono vicinissime». Ma il flusso di nuovi abitanti sembra essere stato costante, anche se con la pandemia ci sono stati casi clamorosi anche per l’mmobiliare: «Abbiamo affittato case anche senza farle mai vedere dal vivo, solo su internet, perché non potevamo uscire. Ma il punto di forza sono sempre i servizi: Empoli e Montelupo trainano, perché chi decide di venire a vivere qui da un’altra città cerca di essere servito bene, qui è il cuore della Toscana, e per chi ha lavori flessibili vivere qui è vantaggioso». Con la linea ferroviaria e a mezz’ora da Firenze centro o a un’ora da Pisa, l’Empolese Valdelsa balza in cima alle classifiche dei desideri di chi cerca casa lontano dal caos cittadino. « È sempre accaduto, ma ora cercano spazi più grandi in un posto dove si spende meno, si vive meglio, ci sono i servizi vicino, i parcheggi sotto casa, insomma città a misura d'uomo». Diverso per chi nell’Empolese Valdelsa ci è nato: spesso le famiglie possiedono più case, dei nonni, dei genitori, e tendono a non spostarsi dalla città natale. Chi si trasferisca da fuori per lavorare in zona, si orienta anche su comuni più lontani dai servizi di comunicazione: Cerreto, Vinci, Montaione, diventano così luoghi bellissimi in cui vivere a prezzi abbordabili. Un appartamento nel centro di Cerreto va dai 1150 euro ai 1700 euro al metro quadrato, a Vinci centro 1150-1650 euro, a Montaione 1050-1550 euro. La città che viene valutata meno al mq è Castelfiorentino, che è infatti l'unica a scendere sotto i 1000 euro al mq: in centro si va dai 950 ai 1400 euro. A sfondare invece il muro dei 2000 euro sono diversi comuni, ma in quartieri ben precisi: a Empoli il centro, Case Nuove, Santa Maria, Avane e Corniola; a Montelupo il centro e Fibbiana, a Certaldo il paese alto, Capraia centro va anche sui 2100 euro a metro quadrato, così come Montespertoli, che in alcune zone tocca i 2200 euro. «Si è creata una congiuntura favorevole: per la prima volta, le aspettative di chi compra e di chi vende sono vicine. Se uno chiede 110 e l'altro è disposto a pagare 100, si chiude a 105. I mutui hanno tassi agevolati, spesso le rate sono meno di un affitto. Abbiamo venduto una casa di tre vani a una ragazza con un figlio, ha preso il mutuo a 100% in trent'anni e paga poco più di 400 euro di rata, meno che prenderlo in affitto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA