Salta la festa dell’Unicorno, il sindaco decide di annullarla

A Vinci anche quest'anno non si terrà l'evento dedicato al fantasy per la nuova ondata del virus

VINCI. La festa dell’Unicorno 2021 anche quest’anno non si terrà, la decisione alla fine è stata come quella dell’anno scorso. Il sindaco Giuseppe Torchia ha annunciato l’annullamento. Ormai da 15 anni c’è un gruppo affiatato che mette passione ed entusiasmo nella costruzione della Festa. Ma ad oggi, come purtroppo lo scorso anno, non esistono le condizioni di sicurezza per poter organizzare un evento di questa portata che a ogni edizione ha portato nel famoso borgo migliaia e migliaia di persone anche da altre regioni dell’Italia. Già nelle settimane scorso gli stessi residenti avevano manifestato perplessità e timori rispetto all’edizione della festa. Poi la nuova ondata di Covid e anche le procedure per l’ingresso con il green pass hanno portato l’amministrazione ad annullare tutto. «Dopo un confronto con la Prefettura di Firenze e con gli organizzatori dell’evento ho deciso di annullare e rimandare al prossimo anno la Festa dell’Unicorno, in programma a Vinci per il 20-21-22 agosto. – ha fatto sapere il sindaco – Si tratta di una decisione sofferta ma necessaria per tutelare la salute dei cittadini, in particolare dei residenti del capoluogo».« La crescita dei contagi delle ultime settimane è elemento di grande preoccupazione per la gestione di un evento complesso come l’Unicorno – ha spiegato ancora – senza contare l’incertezza nella quale ci troviamo al momento nel presumere il tipo di restrizione e vincoli ai quali potremo essere soggetti nel penultimo fine settimana di agosto».«Inoltre, l’introduzione del green pass obbligatorio – ha aggiunto Torchia – rende molto più difficile gestire il rapporto tra visitatori e residenti. A quest’ultimi, infatti, non può essere imposta l’esibizione del lasciapassare sanitario, senza il quale sarebbe impossibile garantire la determinazione di una “la bolla” di sicurezza».

E conclude: «Cosciente di aver preso una decisione che va nella direzione della tutela dell’interesse pubblico, ringrazio gli organizzatori per l’impegno profuso nella programmazione ed organizzazione della festa, nonostante le condizioni di grande difficoltà». —